L'azienda ha sede in un'antico casale all'interno del Parco dell'Etna, situato alle pendici nord, con vista sui monti Nebrodi e sulla valle dell'Alcantara e mostra ai visitatori un suggestivo paesaggio in ogni momento della giornata. Dall'imponente Torretta in pietra è possibile ammirare il paesaggio offerto dalla vallata che forma il Parco dell'Alcantara che delimita il confine tra il territorio del Parco dei Nebrodi e le lave del Parco dell'Etna. Al centro della vallata la città medievale di Randazzo, un tempo residenza estiva dei Re per il particolare clima fresco ed asciutto che questo luogo offre, ed oggi sede del Parco dei Parchi.

Etna

 

Collocata lungo la Strada del Vino dell’Etna, la Fattoria gode di alcune convenzioni in campo enogastronomico davvero significative: degustazioni direttamente nelle più antiche bottaie in rovere di Slavonia dell’intero versante Nord dell’Etna, colazioni lungo i sentieri dell’Etna, dei Nebrodi e dell’Alcantara, pranzi e cene che rispecchiano gli odori, i profumi e gli aromi del territorio nei migliori ristoranti della zona.

  • E al mattino, nella piccola sala delle colazioni, il forno acceso e il calore della cucina della nonna, per gustare come una volta, la bontà della prima colazione siciliana.

Dove Siamo

La città di Randazzo è un centro medievale che vanta bellissimi monumenti di rara bellezza che risalgono al XII secolo. Fra questi annoveriamo la Basilica di Santa Maria, La chiesa di San Martino e la Chiesa di San Nicolò. Il museo dell'arte contadina realizzato all'interno del vecchio Castello del XII secolo, ed il museo archeologico con diorama.

Chi ama sciare, a 25 Km troverà le strutture di Piano Provenzana da dove, nel periodo estivo è possibile risalire fino al cratere centrale dell'Etna con i mezzi messi a disposizione dalle società specializzate

A 17 Km potrete visitare il Castello di Nelson, a Maniace. Sorse come chiesa intorno al 1173 per volontà della Regina Margherita, per durevole memoria della battaglia vinta da Giorgio Maniace contro i Saraceni. L'abbazia divenne proprietà dell'Ospedale Grande e Nuovo di Palermo, fino al 1799 quando da Ferdinando III fu donata all'Ammiraglio Horatio Nelson, in premio della soffocata repubblica partenopea.

Mappa